Collaudo P.S – Campus Bio Medico
Maggio 16, 2020
Parcheggio Multipiano – SE.CO. S.r.l.
Maggio 17, 2020
Aziende Unità Sanitaria Locale di Romagna

Ampliamento e Ristrutturazione del PRESIDIO OSPEDALIERO DI FAENZA


LOCALITA’ _Viale Stradone, 9 – FAENZA (RA) - ANNO 2018

Aziende Unità Sanitaria Locale di Romagna

Ampliamento e Ristrutturazione del PRESIDIO OSPEDALIERO DI FAENZA


LOCALITA’ _Viale Stradone, 9 – FAENZA (RA) - ANNO 2018

INTERVENTI


Ristrutturazione e manutenzione straordinaria delle coperture

Messa in sicurezza delle scale storiche

Restauro/risanamento conservativo del campanile

Miglioramento sismico e realizzazione di nuovo reparto pediatria

Realizzazione di nuovo reparto endoscopia

Realizzazioni di 2 collegamenti verticali di emergenza

Adeguamenti impiantistici

INTERVENTI


Ristrutturazione e manutenzione straordinaria delle coperture

Messa in sicurezza delle scale storiche

Restauro/risanamento conservativo del campanile

Miglioramento sismico e realizzazione di nuovo reparto pediatria

Realizzazione di nuovo reparto endoscopia

Realizzazioni di 2 collegamenti verticali di emergenza

Adeguamenti impiantistici


IL PROGETTO


Considerato l’impianto planimetrico dei nuovi reparti, nel riorganizzare lo schema distributivo e di collegamento delle funzioni interne, il progetto proposto tiene conto di alcuni aspetti fondamenti:

Le funzioni devono essere facilmente riconoscibili ed accessibili;

Impedire che i flussi sanitari siano mischiati o intralciati da altri flussi;

Personale, pazienti devono avere accessi e percorsi separati;

Flessibilità sia dal punto di vista architettonico che tecnologico;

Distinzione dei flussi di materiale sporco da quello pulito;

Accoglienza e umanizzazione degli spazi interni.

IL PROGETTO


Considerato l’impianto planimetrico dei nuovi reparti, nel riorganizzare lo schema distributivo e di collegamento delle funzioni interne, il progetto proposto tiene conto di alcuni aspetti fondamenti:

Le funzioni devono essere facilmente riconoscibili ed accessibili;

Impedire che i flussi sanitari siano mischiati o intralciati da altri flussi;

Personale, pazienti devono avere accessi e percorsi separati;

Flessibilità sia dal punto di vista architettonico che tecnologico;

Distinzione dei flussi di materiale sporco da quello pulito;

Accoglienza e umanizzazione degli spazi interni.